Torna alle notizie

Cessione del Quinto dello Stipendio – Licenziamento!

Cessione del Quinto dello Stipendio – Licenziamento!

La Cessione del Quinto dello Stipendio, come dice la parola Cessione, cede alla Società Finanziaria il quinto dello stipendio a fronte di una determinata somma erogata per una determinata durata contrattuale.

Chi si incarica del versamento delle rate mensili è il Datore di lavoro identificato dal giudice come Terzo Datore di Ipoteca. Il cui significato è che il Datore di Lavoro è responsabile dei pagamenti delle rate mensili da restituire alla Società Finanziaria e di trattenere il TFR nella disponibilità della Società Finanziaria fino alla conclusione del contratto che coincide con il pagamento dell’ultima rata.

Il caso interruzione del rapporto di lavoro può avvenire per:

  1. Licenziamento per esubero del personale o per ristrutturazione aziendale;
  2. Licenziamento per Chiusura attività o Fallimento della Ditta;
  3. Licenziamento per Giusta Causa;
  4. Dimissione volontaria personale.

La Cessione del Quinto dello Stipendio è regolamentata dalla Legge 180/50 e successive modifiche e prevede l’obbligatorietà della stipula di due coperture assicurative:

  1. Causa Morte e/o Inabilità;
  2. Perdita Lavoro per Licenziamento o Chiusura Ditta.

Questo significa che la copertura assicurativa Perdita Lavoro non è valida per i casi di Licenziamento Giusta Causa e per Dimissione Volontaria personale!!

Come si comporta la Finanziaria in caso di Licenziamento?

Il Datore Lavoro ha l’obbligo di avvisare del licenziamento la Società Finanziaria, la quale provvederà a richiedere il versamento del TFR a copertura del residuo della Cessione del Quinto. Se il TFR non dovesse essere sufficiente a coprire il residuo della Cessione la Società Finanziaria richiederà l’intervento della Assicurazione, ma lo farà solo per i casi 1 e 2 su descritti.

Nessuna altra somma può essere richiesta oltre il TFR e se dovesse accadere che la Società Finanziaria dovesse richiedere somme oltre il TFR si deve ricorrere immediatamente nei confronti del Datore Lavoro e della Società Finanziaria.

Va inoltre sottolineato che l’Assicurazione non potrà in seguito rivalersi nel modo più assoluto sulla persona assicurata per il pagamento della somma che ha versato alla Società Finanziaria.

Era un uso del passato che la legge ha vietato ormai da tempo. L’assicurazione ha l’obbligo di coprire per intero il rischio dell’assicurato.

Prestitia informa!

Chiedi una consulenza o un preventivo, è un Servizio gratuito di Prestitia!!

Leggi di più

Preventivo gratuito online

Richiesta sicura

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

MutuiA: il sito di riferimento per il tuo preventivo mutuo su misura.